Il signor Distruggere

CHI È IL SIGNOR DISTRUGGERE?

chi è il signor distruggere

Desideri una storia d’amore alla Romeo e Giulietta? Beh, lei era tredicenne, durò tre giorni, ci furono almeno cinque morti e una sola scopata.

Il Signor Distruggere, alias Vincenzo Maisto, è un blogger, scrittore e Influencer salernitano seguitissimo sui social network con oltre settecentomila italiani distribuiti sue tre social: Facebook, Instagram e Twitter. Partecipa spesso a eventi, fiere di tipo ludico e trasmissioni televisive nazionali.

Trentenne ironico, acido e perfido. Lo si riconosce subito dalla spocchia. Il “Guru” del blog dai 30.000 accessi giornalieri, con post virali che superano i tre milioni di interazioni. Autore di un dissacrante libro del 2015 dal titolo “Distruggere i sogni altrui esponendo la realtà oggettiva“, incentrato sul precariato giovanile e che raccoglie con sarcasmo e ironia la rubrica “Il mio essere choosy”, pubblicata all’epoca a puntate. Un ebook pubblicato, invece, nel 2016 dal titolo “Mamme vegane contro l’invidia“, che è ancora tra i best seller di Amazon e un altro libro in cantiere che esamina l’esasperante mondo dell’estremismo materno sui social network e che verrà pubblicato da uno dei più importanti editori nazionali nel 2018.

Nel 2017 vince un MacchiaNera Internet Awards nella categoria “Miglior articolo o post” con “Il Fanatico mondo delle mamme“, battendo nella competizione, tra gli altri, Enrico Mentana e Selvaggia Lucarelli.

Maisto ha una capillare rete di infiltrati e informatori in ogni angolo di Facebook, disseminati in gruppi chiusi o segreti, che lo informano di tutto e lo portano a conoscenza del caso umano o della stravaganza del giorno. Distruggere può essere in ogni luogo e in ogni persona.

Dopo aver conseguito un’inutile laurea triennale alla Facoltà di Architettura della Seconda Università di Napoli e un altrettanto inutile biennio specialistico all’Accademia di belle arti, svariati corsi professionali, stage non retribuiti, contratti non pervenuti, decide di dare un senso alla sua vita lamentandosene.

Ateo e razionalista. Il suo psichiatra sostiene che abbia la tendenza a manipolare le persone per arrivare a ciò che vuole.

Dopo una lunga serie di fallimentari esperienze in ambito umano, lavorativo e sociale, nel 2011 decide di vomitare tutto il suo cinismo sul web creando una pagina sul social network per eccellenza.

SEGUIMI SU INSTAGRAM